L' Oasi di Costa Suragni - ARCA DEL RE CIT

Vai ai contenuti

Menu principale:

L' Oasi di Costa Suragni

 
Mappa stradale per arrivare all' oasi
 
Mappa dell' oasi
 
 


In Italia la parola "Oasi" è utilizzata fin dagli anni sessanta per indicare
un'area naturale protetta dove non si dovrebbe cacciare,
gestita dalle associazioni ambientaliste.


L'area iniziale posseduta e gestita dall'Associazione si è via via ampliata
grazie a successive acquisizioni di particelle confinanti,
raggiungendo attualmente la superficie di 57000 mq circa.
I lotti presentano colture differenti: a quelli condotti a bosco ceduo
si alternano altri rimboscati in periodi diversi
(e con vari stadi di crescita delle piante introdotte)
ed altri ancora adibiti a noccioleto, a prato incolto, a vigna ormai dismessa.
L'oasi presenta interessanti caratteristiche botaniche.
Complessivamente vi sono stati immessi circa 2.000 esemplari
di oltre quaranta specie d'essenze arboree ed arbustive;
alcune di queste piantate con l'aiuto e su progetto degli studenti
dell'Istituto agrario di Carmagnola con il quale l'Associazione
ha collaborato per diversi anni.
Per quanto riguarda il patrimonio faunistico, l'oasi ospita numerose specie avicole,
stanziali e di passo, piccoli roditori e mammiferi,
alcune specie di rettili e anfibi che nell'oasi trovano il loro habitat naturale.
Nel 1998 prende vita il frutteto di riserva genetica "Claudio Ciastellardo",
nel tentativo di recuperare il germoplasma di antiche varietà piemontesi di alberi da frutta,
allo scopo di conservarlo come testimonianza del passato per le generazioni future.
Meli e peri piemontesi sono presenti nelle varietà
"Rus Giambun", "Ranzè", "Pum Marcun", "Muretti", "Tumin"
ed altre ancora.
Per chi fosse interessato, è possibile "adottare" gli alberi presenti nell'oasi,
dedicandoli alle persone prescelte.
Quale scelta migliore, ad esempio, che donare simbolicamente un albero ad un bimbo?

L' oasi fa parte delle aree protette
della Federazione Nazionale Pro Natura, anche denominate "Laboratorio di ecologia all' aperto".
Piccole aree, ma di estrema importanza per salvaguardare la bio diversità nella nostra regione


 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu